Pannelli sandwich

Pannelli sandwich

Struttura di un pannello sandwich. Composto da due lamine metalliche grecate, ondulate o microdogate di vario tipo (acciaio, alluminio, rame ecc.. ) fra le quali viene interposto uno strato di schiuma di poliuretano. La monoliticità del pannello coibentato viene garantita.

Pannelli grecati per coperture. L’utilizzo di materiali e profili specifici in lamiera grecata che supportano alti livelli di autoportanza rendono i pannelli metallici prefabbricati adatti a molteplici applicazioni nell’ambito delle coperture civili, delle coperture industriali, commerciali e pubbliche.

L’adesione chimico-fisica fra la schiuma di poliuretano e le lamine metalliche che si genera durante il processo produttivo garantisce la produzione di una struttura monolitica. Grazie a questa particolare struttura i pannelli coibentati presentano un alta resistenza meccanica alle sollecitazioni d’esercizio ed ai carichi concentrati oltre ad elevate proprietà di:

  • Isolamento termico
  • Resistenza al fuoco ed al calore.
  • Isolamento acustico
  • Potere fonoassorbente.

I pannelli coibentati sono strutture prefabbricate prodotte per essere montate modularmente e presentano quindi particolari cerniere di giunzione che grazie a vari sistemi di fissaggio preservano la struttura da qualsiasi tipo di infiltrazione nel tempo.

Modalità di montaggio dei pannelli sandwich. I pannelli sandwich vengono montati in massima pendenza di falda su correnti in metallo o legno predisposti ad interasse come previsto dalle condizioni di carico. Il fissaggio dei pannelli all’orditura sottostante viene eseguito mediante apposite viti in acciaio zincato o inox tipo “AlubloK” mordenti, autofilettanti, o automaschianti, in funzione del materiale utilizzato per l’orditura stessa, e dotate di rondelle coniche e guarnizioni di tenuta in elastomero EPDM. In caso di montaggio su orditura metallica, deve essere predisposto un elemento di separazione non metallico tra pannello e corrente al fine di impedire l’insorgere di corrosione galvanica dovuta al contatto tra metalli diversi. Il sormonto laterale tra i pannelli viene realizzato con la sovrapposizione delle estremità maschio e femmina del pannello stesso, con un interasse risultante tra i pannelli di 1000 mm. I pannelli vengono montati in pezzo unico da colmo a gronda fino a lunghezze di 12 metri, salvo diverse prescrizioni per condizioni particolari; per lunghezze di falda maggiori possono essere realizzati sormonti longitudinali con sovrapposizione compreso tra 150 e 300 mm in funzione della pendenza di falda e delle condizioni di innevamento. Tutte le misure si intendono valutate in effettivo sviluppo di falda.

Pannelli sandwich tipo e qualità del materiale. Il materiale utilizzato per il rivestimento esterno/interno è lega di alluminio tipo 3003÷ 3004÷ 3103 secondo norme UNI 9003/2 e UNI 9003/3, stato fisico H14÷H29 in base allo spessore. Lo spessore utilizzato è di: 0,4 – 0,5 – 0,6 – 0,7 mm. Il materiale utilizzato per il rivestimento esterno/interno è acciaio zincato. Lo spessore utilizzato è di: 0,5 mm. Il materiale utilizzato per il rivestimento esterno/interno è rame. Lo spessore utilizzato è di: 0,6 mm. La finitura superficiale è di tipo: liscio naturale – preverniciato sul lato a vista e con primer sul lato opposto. La finitura preverniciata è nel colore standard: Rosso bruno – testa di moro – bianco grigio (sempre disponibili a magazzino). Il ciclo di verniciatura consiste in un decapaggio della superficie metallica, seguito dalla stesura di uno strato di primer dello spessore di 5 micron su entrambi i lati; infine viene applicato sul lato a vista uno strato di vernice in resina poliestere dello spessore di 18 micron. La densità media della schiuma isolante è di 35 ÷ 40 Kg/m3, con un contenuto minimo di celle chiuse del 95%. La trasmittanza dei pannelli, con uno spessore (greche escluse) di 30 / 40 / 50 / 60 / 80 / 100 mm è K = 0,692 / 0,532 / 0,432 / 0,364 / 0,276 / 0,223 W/m 2 °K